L'allenamento della forza è benefico per la prestazione del Golf?

Allenare la forza nel golf: si o no?

Il golf è un’attività intermittente che combina molteplici atti: il camminare a ritmo moderato, lo stare in piedi e il colpire la palla. È stato riscontrato che tra le determinanti fondamentali per ottenere una buona prestazione, spiccano accuratezza e distanza del tiro. Quest’ultima è influenzata da diversi fattori, e i più importanti sono: l’abilità tecnica, le caratteristiche della mazza utilizzata e della sua testa, la successione delle azioni compiute e la potenza raggiunta.

Sembra chiaro dunque che l’allenamento della forza e delle capacità condizionali contribuisca ad una migliore prestazione. Per quanto riguarda la forza muscolare, sono state riscontrate tre significative e positive relazioni: la prima, tra la media dei punti e la potenza delle gambe, la seconda, tra il punteggio totale e la capacità di salto in alto o forza di prensione dell’arto dominante e non, e la terza, tra la velocità della palla e la forza muscolare in generale. Tuttavia, è stata rilevata una correlazione negativa tra la forza degli adduttori e il livello di handicap. Alcuni studi, infine, hanno identificato che l’allenamento di forza abbia un’influenza positiva sulla distanza del colpo senza che questa condizioni l’accuratezza del colpo stesso.

Giocatore di golf infortunato alla schiena E’ comunque importante sottolineare che misure preventive per evitare infortuni, sono altrettanto necessarie per la performance. Gli infortuni più frequenti sono: epicondiliti, distorsioni, tendiniti, sindrome del tunnel carpale, dolore a ginocchia, cuffia dei rotatori e schiena.
Questi incidenti possono accadere a tutti, nessuno escluso, tra i professionisti come tra i novizi.
Le cause spesso sono da attribuire a:
• Non aver eseguito un sufficiente riscaldamento muscolare,
• Basso livello di forza e flessibilità a livello del busto,
• Errata tecnica di tiro,
• Sovra-utilizzo di un distretto articolare.

La letteratura scientifica ha dimostrato che l’allenamento della forza può essere d’aiuto per prevenire questi infortuni, e visto che durante la fase di tiro vengono attivati molti gruppi muscolari, è meglio allenare la forza in toto con pesi liberi, macchine o attrezzature come Kinesis One, prima di iniziare l’allenamento sul campo.

Concludendo, i dati suggeriscono che allenare i muscoli di gambe, bacino, busto e quelli coinvolti nella prensione, comporta non solo un miglioramento della performance ma previene anche l’insorgenza di alcuni infortuni.

Referenze

ARTICOLI:

  • Torres-Ronda L, Sánchez-Medina L, González-Badillo JJ. Muscle strength and golf performance: a critical review. J Sports Sci Med. 2011 Mar 1;10(1):9-18. eCollection 2011. PubMed PMID: 24149290; PubMed Central PMCID: PMC3737887.
  • Meira EP, Brumitt J. Minimizing injuries and enhancing performance in golf through training programs. Sports Health. 2010 Jul;2(4):337-44. PubMed PMID: 23015957; PubMed Central PMCID: PMC3445090.
  • Thériault G, Lachance P. Golf injuries. An overview. Sports Med. 1998 Jul;26(1):43 57. Review. PubMed PMID: 9739540.
  • Smith CJ, Callister R, Lubans DR. A systematic review of strength and conditioning programmes designed to improve fitness characteristics in golfers. J Sports Sci. 2011 Jun;29(9):933-43. doi: 10.1080/02640414.2011.571273. Review. PubMed PMID: 21547836.

Fonti

PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE:

  • Journal of Sports Science and Medicine
  • Sports Health Journal
  • Sport Medicine
  • Journal of Sports Sciences

ABSTRACT:

  1. PubMed, The U.S. National Library of Medicine - National Institute of Health, U.S.
  2. PubMed, The U.S. National Library of Medicine - National Institute of Health, U.S.
  3. PubMed, The U.S. National Library of Medicine - National Institute of Health, U.S.
  4. PubMed, The U.S. National Library of Medicine - National Institute of Health, U.S.

Leggi anche: