I falsi miti sul cibo

Se voglio dimagrire devo dimenticarmi il cioccolato? Il cibo congelato fa male alla salute? Nella dieta conta solo il numero delle calorie?
Giorni fa sono incappata in un articolo molto interessante, uno di quelli che fanno luce con semplicità e buon senso nella nebbia di tante credenze alimentari.
Ecco alcune cose di cui ero convinta anche io, e le illuminanti verità che ho scoperto in proposito.

I cibi congelati sono meno nutrienti di quelli freschi

In teoria sarebbe così, ma non più nel nostro mondo di economia globale.
Frutta e verdura appena colta cominciano subito a perdere nutrienti e quando arrivano sul bancone del supermercato, dopo aver percorso considerevoli distanze, sono passati spesso giorni, se non settimane. Ecco che allora la verdura congelata risulta alla fine molto più nutriente, perché riesce a trattenere gran parte delle sostanze nutritive che aveva appena colta. E costa anche di meno.

Se vuoi perdere peso devi rinunciare a tutti i tuoi cibi preferiti

In realtà è il modo migliore per andare incontro alla classica ribellione da dieta.
Se dividi i cibi fra buoni (quelli salutari) e cattivi (quelli che ti piacciono) ed escludi questi ultimi, otterrai solo che ti faranno ancora più gola di prima. Per dimagrire, limitati a tenere sotto controllo le porzioni: mangiando anche ciò che ami, non lo trasformerai nell’oggetto del desiderio, ed eviterai pericolosi attacchi di anarchia alimentare.

Tutti gli alimenti preconfezionati fanno male

Anche se è spesso vero che i cibi preconfezionati hanno alte dosi di zucchero aggiunto, sodio e basso potere nutrizionale, non significa che ogni cosa in vendita in pacchetto ti farà male. Pensa al latte, allo yogurt, alle verdure congelate o al riso.
Piuttosto dà uno sguardo alla lista degli ingredienti, il metro di giudizio più valido per restare alla larga da tutti i cibi contenenti malsane dosi di additivi.

Se non mangi abbastanza nutrienti, puoi sostituirli con gli integratori

Un integratore, come suggerisce la parola stessa, serve solo a coprire qualche piccolo deficit nutrizionale, ma non può sostituire la fonte principale di vitamine, minerali e nutrienti necessari a una buona salute: una dieta varia, leggera e, possibilmente, gustosa.

Per dimagrire, basta affidarsi ai cibi “light”

Le miracolose versioni “light” di tanti cibi del desiderio (ovvero i più grassi) non aiutano affatto a dimagrire, ma al contrario sono diventate la causa del fallimento di molte diete, per due ragioni precise:

1. Per lo più  fanno parte di quella categoria di cibo che in ogni dieta dimagrante dovrebbe essere più o meno bandita (caramelle, biscotti, gelati, ecc.) e non ti permettono di prenderne le distanze. Con il rischio di ricascarci (ma nella versione ingrassante).
2. Senza grassi non significa senza calorie. Se ti dai alla pazza gioia con i cibi “light” perché ti senti al sicuro, rischi di mettere insieme alla fine molte più calorie di una giornata di non-dieta.

Non importa cosa mangi, basta che le calorie siano poche

Ovvero, che differenza c’è fra mangiare per pranzo 400 calorie di cioccolato o 400 calorie di insalata?
Nel secondo caso ti sentirai pieno più a lungo, e avrai assunto una quota equilibrata di proteine, fibre, vitamine, minerali, ecc. Il cioccolato ti lascerà affamato e non ti nutrirà, tanto che andrai presto alla ricerca di tutti i nutrienti che hai trascurato. E questa volta senza più badare alle calorie.

Alcuni cibi hanno potere dimagrante

Questo non l’ho mai pensato, ma mi ha davvero incuriosito. C’è chi pensa che alcuni cibi (come il sedano) contengono così poche calorie che con la semplice digestione ne fanno bruciare all’organismo più di quante ne apportano. Se fosse vero, suggerire un chilo di sedano al giorno lascerebbe dietologi e nutrizionisti praticamente senza lavoro.
In realtà, digerire e assimilare tutto quello che mangi ogni giorno richiede circa il 10% del totale di calorie che apporti ogni giorno. E per quanto poche siano, queste sono presenti in tutti i cibi, e vanno tutte invariabilmente a finire nel conto finale.

Rimetti in gioco le tue convinzioni e, soprattutto, fidati di quello che ti dice il buonsenso: molto spesso è il modo più sicuro per non fissarsi con abitudini e opinioni dannose per il tuo benessere e la tua salute.