Combatti lo stress con l'attività fisica

Qual e' l'allenamento migliore per ridurre lo stress e controllare le emozioni? Quante volte eseguirlo? Te lo spieghiamo noi.

Quali attività scegliere?

Prima di tutto, scegli un'attività che ti piaccia davvero, perché sarai stimolato a seguirla per più tempo. Quando l'interesse è veicolato dal piacere nello svolgere un compito, lo si svolge per durata e frequenza maggiori rispetto ad attività di scarso interesse.

Se ti piace isolarti dalla frenesia della giornata, evita piscine affollate e concediti una corsa nel parco. Viceversa, se ti piace vedere tanta gente e scambiare qualche chiacchera perché non andare in palestra?

Scegli attività che non siano competitive. Sebbene il confronto e la competizione abbiano dei vantaggi e funzioni positive, esse potrebbero dimostrarsi dannose sei hai una natura competitiva e una partita a calcetto o un match a tennis potrebbero diventare dei catalizzatori di stress.
L'attività fisica, a differenza dello sport, non prevede competizione, e nelle persone estremamente competitive o altamente stressate, è preferibile.

L'effetto calmante delle attività aerobiche

Uno studio indica come i maratoneti abbiano un livello inferiore di testosterone, un ormone associato a elevati livelli di aggressività.

Praticare attività aerobiche è consigliato in coloro che si percepiscono aggressivi.
L'allenamento per lo sviluppo della forza promuove il testosterone, ma allo stesso modo aumenta la produzione di endorfine, delle molecole che inducono una sensazione di benessere. Entrambe le tipologie di esercizio quindi, quello aerobico e quello di forza presentano dei benefici, ed è molto probabilmente che i vantaggi maggiori si ottengano combinando entrambe le attività.

Quanto allenarsi

La frequenza ideale è determinata dal tuo tempo a disposizione ma ad ogni modo, anche se con sessioni di breve durata, fare esercizio ogni giorno è benefico.
Le indicazioni generali suggeriscono almeno tre sedute settimanali di allenamento.
Se hai la possibilità, cerca comunque di muoverti il più possibile, camminando o andando in bicicletta al luogo di lavoro, per fare la spesa, e per spostarti in città.