Dall’athleisure al wellness: movimento e benessere vanno di moda

Fin dal 2016, il mondo della moda aveva cominciato a intuire che l’athleisure sarebbe stato uno dei trend più caratterizzanti gli anni ‘10 del 2000. Oggi, tuttavia, sembra che il vestirsi-da-palestra-per-non-andare-in-palestra rappresenti qualcosa di ancora più significativo: un cambiamento radicale nel modo in cui le persone intendono e si relazionano all’abbigliamento.
Alcuni pensano che tutto sia iniziato nel 2012, a Londra, quando l’atmosfera delle Olimpiadi aveva fatto sentire le persone libere di vestirsi come se fossero sempre dirette verso una palestra o una sessione di jogging. Altri puntano il dito verso i visionari dell’haute couture, che già nel 2014 si erano spinti ad abbinare delle sneakers ai loro abiti lussuosi. C’è poi chi ritiene non siano stati né gli atleti delle Olimpiadi né gli stilisti più affermati a lanciare la moda, e che forse individuare un momento di inizio non sia proprio possibile.
Ad ogni modo, oggi basta guardarsi intorno mentre si cammina lungo le strade di una qualsiasi città per rendersene conto: l’athleisure è il nuovo casual.

Parola d’ordine: comfort

L’idea di cosa sia appropriato indossare, dal tempo libero fino all’outfit da lavoro, è radicalmente cambiata: le sneakers sono ok, le felpe sono ok, e persino indossare dei capi in lycra va bene. La parola d’ordine è una: comfort.
Vestire abiti che facciano sentire a proprio agio, che non siano scomodi e che durino a lungo sembra essere diventata la priorità per moltissime persone, che comunque non vogliono rinunciare allo stile. E allora è la moda che deve adattarsi alle nuove esigenze, modificando i suoi canoni e mettendo in gioco la creatività nel realizzare modelli versatili, confortevoli, durevoli e cool.
Solo nel 2015, le vendite nel settore dell’abbigliamento tecnico per l’attività sportiva hanno visto un incremento del 12%. Il dato è di quelli che non possono essere trascurati, eppure va sottolineato che abbigliamento tecnico e athleisure non sono propriamente sinonimi: quando si dice “athleisure” ci si riferisce ad abiti che non sono stati realizzati per rispondere a una specifica funzione, e che hanno proprio nella versatilità il loro punto di forza.
È un report realizzato da NPD Group a confermare l’impressione generale: la categoria di consumatori che più di ogni altra garantisce al mercato delle sneakers la sua ottima salute è quella costituita dalle persone che le comprano per indossarle nel tempo libero. Insomma, non sono più gli (solo) gli atleti a comprare scarpe per lo sport, e così il comfort è diventato un elemento quasi più importante del supporto alle buone performance.

Ma la vera tendenza sono movimento e benessere

Hai appena scoperto di non doverti più preoccupare di cosa indossi per andare al lavoro e non sai chi ringraziare per la splendida novità? Un suggerimento: riserva al wellness la tua riconoscenza.
Il 2018 ha meno di due mesi ma è già stato proclamato “L’anno del wellness”. La tendenza dell’healthy lifestyle che ha contraddistinto questi ultimi anni sembra non accennare a una ritirata, anzi: proprio nel 2018 si pensa raggiungerà il suo culmine.
Le compagnie di moda non hanno dubbi: la ricerca di uno stile di vita quanto più salutare possibile ha contagiato tutti. D’altra parte, basta guardare al proliferare sul web di contenuti dedicati al tema per convincersene. Pagine e personalità social che si occupano di wellness nascono ogni giorno, e i loro follower non fanno che aumentare.
Così, anche il fashion ha intrapreso questa strada, consapevole del fatto che, quando si parla di benessere, ci si riferisce a un concetto molto ampio di “stare bene”, dove anche l’abbigliamento può trovare il suo spazio. Tanto che si comincia a vociferare di un superamento dell’idea di athleisure, proprio in favore di un’idea molto più allargata che connetta il ben vestire al ben vivere.
Il che vuol dire solo una cosa: legging e sneakers possono essere sfoggiati un po’ ovunque, ma la vera tendenza è mangiare bene, prenderti cura del tuo corpo e fare movimento per davvero.

/related post

La forma della perfezione di Eric Landon - Ceramista

Il più grande successo di Eric è quello di poter insegnare alle persone l’arte della ceramica, p...

Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. OK