Technogym offre ai propri collaboratori il primo ristorante wellness nel mondo

In linea con la propria filosofia ispiratrice, il Wellness, Technogym da sempre mette al centro della propria azione e delle proprie strategie le persone, la loro salute e la loro crescita professionale. Il vasto programma di welfare aziendale “Working for Wellness”, che Technogym mette da anni a disposizione dei propri collaboratori prevede, oltre ad un ambiente di lavoro unico come il Technogym Village, un ampio ventaglio di servizi che si rivolgono a tutti i collaboratori fra cui il T-Restaurant, il primo ristorante wellness al mondo.
Il T-Restaurant ogni giorno offre la possibilità della colazione prima del lavoro e un pranzo con tre menù differenziati a seconda delle diverse esigenze alimentari: Mediterraneo, Organico e Vegetariano preparati con ingredienti freschi, senza grassi saturi e a basso contenuto di sale.

Il menù studiato dal Dipartimento Scientifico di Technogym prevede ricette bilanciate, preparate utilizzando materie prime stagionali e di qualità, e la costante presenza di frutta e verdura di stagione.

Il Wellness, è una responsabilità sociale.
La sostenibilità viene applicata anche in ambito alimentare: in primo luogo scegliendo il più possible materie prime a km zero, in secondo luogo evitando gli sprechi migliorando concretamente la qualità della vita delle persone, partendo dalle realtà del territorio.
Da anni Technogym gioca un ruolo attivo sul sul tema della gestione degli sprechi, promuovendo un programma di donazione pasti alla Comunità Alloggio Il Faro, onlus attiva da oltre un decennio nel territorio di Cesena nel campo della riabilitazione e dell’integrazione di persone con disabilità psichica, attraverso la creazione di percorsi di crescita individuale e di riacquisizione delle autonomie.

Nella prima metà del 2019, Technogym ha donato più di 3.000 pasti provenienti dal T-Restaurant.

Grazie a questa iniziativa la comunità Alloggio Il Faro può servire ai propri ospiti l’ottimo cibo preparato da cuochi professionisti, consentendo alla Onlus un considerevole risparmio, permettendole così di indirizzare le risorse economiche verso progetti riabilitativi sempre nuovi e più efficaci.

/related post

Tutto quello che c'è da sapere sui Campionati Europei di Basket Femminile 2019

Di Egle Damini / LUZ Era il 1938 quando le ragazze della nazionale italiana di...

Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. OK