Wimbledon, la storia e i grandi colpi dei campioni

Il tennis è sicuramente uno degli sport più praticati e amati al mondo: nato nel diciannovesimo secolo in Inghilterra, è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo grazie a The Championships Wimbledon, il torneo più antico e importante del mondo. Wimbledon si svolge ogni anno fra giugno e luglio ed è il terzo in ordine cronologico dei quattro tornei del Grande Slam.

Attualmente è l'unico che si gioca su campi in erba, a differenza degli US Open e degli Australian Open, disputati su campi in cemento, e del Roland Garros, sulla terra battuta. Vista l’importanza della manifestazione, i più grandi tennisti professionisti organizzano il loro calendario delle competizioni in funzione della partecipazione o meno a Wimbledon.

L'unicità di Wimbledon e dei suoi campioni

Wimbledon è l’unico torneo del Grande Slam che dal 1877 viene giocato nelle aree dello stesso club a sud ovest di Londra,  l’All England Lawn Tennis and Croquet Club, su campi in erba di tipo loietto inglese, alta 8 millimetri. E’ l’unico che impone a tutti gli atleti un dress code per scendere in campo: gli organizzatori controllano due settimane prima dell’inizio del torneo che le divise dei tennisti siano conformi. Pantaloni, magliette, calzini e scarpe devono infatti essere bianchi, anche se i loghi dei marchi delle divise possono essere di un altro colore.
Il primo Wimbledon iniziò il 9 luglio di quell’anno e fu organizzato solamente il torneo singolare maschile, the Gentlemen's Singles, che venne vinto da Spencer Gore. Circa 200 spettatori pagarono uno scellino ciascuno per assistere alla finale.

Il tennis da prato è oramai sinonimo di Wimbledon perché proprio a Wimbledon, in Inghilterra, è effettivamente nato, da quando una disciplina simile chiamata sphairistikè (in greco: σφαιριστική, che significa "gioco della palla") venne progettata e brevettata nel 1868 dall'ufficiale dell'esercito britannico Walter Clopton Wingfield. Il gioco attecchì rapidamente come svago per l’alta borghesia e la nobiltà britannica, tanto da essere aggiunto alle attività del prestigioso All England Croquet Club di Wimbledon, che divenne All England Lawn Tennis and Croquet Club, dove tutt’ora viene giocato il torneo.

Il modo più facile per entrare nel Club? Vincere il torneo di Wimbledon

Il Club di Wimbledon conta in totale 565 membri, suddivisi in full, life, honorary, temporary e junior temporary, di cui 375 full. Per entrare nel club i modi sono diversi, o si è proposti da 4 soci full che devono scrivere una lettera di introduzione alla commissione, che giudicherà poi la candidatura anche se non è detto che poi si venga accettati (l' attesa può durare anni e la lista conta circa 1000 persone). Oppure si è ammessi per meriti spotivi come membri onorari, come nel caso di Kate Middleton e di altri 70 soci, oppure, last but not least, si deve vincere il  torneo.

I benefici del tennis e la preparazione fisica del tennista

Secondo uno studio del 2017 dell'Harvard School of Medicine, le persone che praticano regolarmente sport di racchetta, possano ridurre le loro probabilità di soffrire un infarto o un ictus. Il tennis offre infatti un eccellente allenamento a tutto corpo, e, come per gli sport di racchetta a basso impatto come il badminton o tennis da tavolo, può essere una buona scelta per le persone che hanno determinate condizioni di salute o che sono più anziani.
Il tennis è uno sport dai benefici evidenti: il suo grande dispendio di energia fisica e mentale necessita infatti di forza e tecnica per piazzare colpi vincenti in battuta, di rapidità per cambi di direzione veloci ed efficaci e di resistenza per via della durata delle partite. Aumenta il tono muscolare di tutto il corpo, sviluppa la coordinazione, favorisce la concentrazione e insegna la padronanza di sè. Inoltre permette di svuotare la mente. Infine è perfetto per mantenere la linea: una partita di tennis permette di bruciare mediamente dalle 400 alle 500 kcal in una sola ora di gioco.

Se non  ti alleni, non meriti di vincere. Andre Agassi - Open

Allenamento funzionale

Quando si cercano di migliorare le prestazioni del tennis, ci sono due fattori chiave da considerare: competenze tecniche e fisiologiche. guardando ad un tennista professionista, diventa evidente che ci sono una varietà di competenze fondamentali da imparare.
Secondo alcuni studi, la metodologia di allenamento funzionale per i tennisti lavora sulle capacità progressivamente maggiori di mobilità articolare dell'atleta, come la propriocettività, coordinazione neuromotoria, controllo dinamico del baricentro corporeo e di tutte le altre aree strutturali (catene cinetiche) e costringe la persona a conoscersi andando progressivamente a superare sempre di più i propri limiti.

L' allenamento funzionale lavora sulla presa di coscienza delle proprie capacità fisiche e psichiche e permette di ricongiungere mente e corpo.

Ma quali sono i campioni che in era moderna hanno fatto la storia del torneo? Quali i colpi migliori? Come allenarli?

Allenare i colpi migliori con Technogym

Technogym, da sempre al fianco dei più importanti tennisti del mondo, studia soluzioni innovative per allenare le loro abilità con lo smart equipment cardio, forza e funzionale. Quest'ultima tipologia di prodotti permette movimenti corretti e aiuta a completarli in maniera naturale.
La storia di Wimbledon è la storia del tennis, ed i colpi dei grandi campioni che hanno alzato il trofeo sono emulati da sportivi di tutto il mondo che li replicano nei campi di tutto il mondo. Quali sono questi colpi e come fare per migliorarli nella nostra routine di allenamento?  Perché praticare questo sport porta benefici all’organismo? Scopriamo la storia di Wimbledon anche attraverso i colpi dei campioni che hanno trionfato e fatto la storia di questo torneo.

Il dritto di Roger Federer

Roger Federer ha collezionato nel suo palmares 98 titoli internazionali, trionfando a Wimbledon per 8 volte, nel 2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2009, 2012 e nel 2017 (record assoluto). Secondo gli addetti ai lavori il dritto del campione svizzero è  uno dei colpi migliori della storia del tennis, sia per efficacia che per esecuzione, ed è quindi è un’arma rilevante nel suo repertorio. E’ un colpo che esegue in maniera naturale, elegante ma allo stesso tempo potente (fino a 2800 giri al minuto), ed è un cardine del gioco dello svizzero. Federer è in grado di giocarlo in topspin e di appiattirlo a tal punto da trasformarlo in un colpo vincente.

Allenare il dritto

Nel tennis moderno è il dritto il colpo più utilizzato nella costruzione del punto. Per questo motivo, l’aumento della velocità, e il contemporaneo mantenimento del controllo, giocano un ruolo chiave per ottenere una prestazione ottimale.  In generale il diritto è un colpo che può essere allenato in molti modi ed è importante avere una buona padronanza perché permette di indirizzare lo scambio e quindi il punto a proprio favore. Chi lo padroneggia con sicurezza riesce a trovare colpi profondi e complessi, magari all'incrocio delle  linee, che mettono in seria difficoltà l'avversario. Per allenare al meglio questo specifico colpo, è importante lavorare su differenti aspetti fra cui movimento, potenza e stabilità.
Potenza
L’allenamento della forza è fondamentale per migliorare la profondità di colpi come il dritto nel tennis di oggi. Esercizi come le distensioni sulle braccia sulle Chest Press Artis e una serie di flessioni del busto su Total Abdominal Artis possono migliorare la potenza del colpo.
Movimento
Per migliorare la fluidità e la precisione del colpo, la piattaforma funzionale Kinesis supporta alla perfezione i movimenti che si praticano nel tennis. Kinesis Personal permette infatti agli utenti di esplorare in modo totalmente libero una vasta gamma di movimenti naturali per migliorare le abilità funzionali nella vita di tutti i giorni. La tecnologia brevettata Full Gravity permette di attivare le intere catene cinetiche al posto dei singoli muscoli.

Allenare in questo caso il movimento del braccio con sequenze al giusto carico di intrarotazioni ed  extrarotazioni, per sollecitare la cuffia dei rotatori, i pettorali e i trapezi permetterà di lavorare sulla precisione dell’esecuzione.

La chela mancina di Rafael Nadal

Anche se Nadal ha vinto solo  due volte il torneo di Wimbledon, nel 2004 e nel 2005,  va annoverato in questa speciale selezione per la particolarità del suo dritto mancino, la chela, un unicum nel panorama tennistico mondiale. Il colpo non è fra i più impattanti a livello estetico (a differenza ad esempio da quello di Federer) ma si segnala per la sua  potenza e le caratteristiche di esecuzione: la rotazione media della pallina raggiunge 3200 giri al minuto, con un’apice di 4900, dato difficilmente raggiungibile da altri tennisti professionisti.
Il core è alla base della stabilizzazione di tutti i movimenti corporei
Per raggiungere tali vette di potenza nei colpi è fondamentale allenare con frequenza l’equilibrio corporeo con l'allenamento del core. ll tennis moderno richiede ai giocatori di utilizzare movimenti multidirezionali rapidi che possano essere dettati dallo stile del giocatore o dell'avversario e averli ben allenati permette di prestazioni migliori.

Le estremità superiori e inferiori lavorano insieme durante i colpi di tennis e gli schemi di movimento per garantire che un giocatore arrivi alla palla in tempo, bilanciato e nella migliore posizione possibile per colpire la palla.

Il rovescio di Rod Laver

Rod Laver ha vinto un totale di 200 titoli internazionali (52 ATP) nella sua carriera, fra cui 4 volte Wimbledon. Ha ottenuto 2 titoli di Wimbledon in era pre Open e altri 2 in era Open (dal 1968). Tennista esplosivo e reattivo, Rod Laver ha vinto i campionati di Wimbledon nel 1961, 1962, 1968 e 1969. Primo vero campione dell’era Open, un vero punto di forza del suo tennis era il suo rovescio mancino, spesso colpito in corsa. Un plus notevole rispetto agli avversari, un colpo che riusciva a chiudere grazie alla velocità, alla  potenza naturale dell’avambraccio sinistro e alla forza del polso, allenato con specifiche sessioni.
Forza, potenza e velocità di esecuzione: per sviluppare queste capacità, la parte superiore del corpo dovrà essere allenata con attenzione e frequenza. Grazie Top Exite di Technogym è possibile un allenamento cardio più vario, stimolante ed efficace: il movimento ciclico delle braccia rafforza e tonifica la muscolatura superiore e ne migliora la resistenza, consentendo il raggiungimento di una forma fisica ottimale nella parte superiore del corpo.offre la possibilità di scegliere fra diversi tipi di allenamento.
E’ possibile allenarsi alla velocità richiesta con Cruise Control oppure esegui gli esercizi con un livello di difficoltà costante, indipendentemente dalla velocità di esecuzione con Custom Power o secondo la velocità impostata con Custom Speed, che varia automaticamente la resistenza per mantenere il corretto RPM.

/related post

I benefici di un corretto dimagrimento

Per il raggiungimento del dimagrimento del corpo ed i suoi benefici, bisogna associare un allenament...

Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. OK