• 15'

Technogym sponsor ufficiale della Firenze Marathon


I 42 chilometri e 195 metri della Firenze Marathon non rappresentano solo un evento sportivo. La maratona, che dal 1984 prende vita nell'ultima domenica di Novembre, è un vero e proprio avvenimento. L'edizione del 2016 ha visto partecipare, per il quinto anno consecutivo e per l'ottava volta nella storia della manifestazione, ben novemila podisti.

Domenica 26 Novembre 2017 avrà quindi luogo la 34^ edizione della Firenze Marathon. Inserita nel calendario ufficiale delle maratone internazionali, certificata AIMS e riconosciuta dalla IAAF, la maratona fiorentina è tra le prime 20 al mondo per numero di partecipanti e per qualità. Partenza e arrivo saranno proprio nel cuore della città, in piazza Duomo. Il percorso si snoderà attraverso i luoghi più affascinanti di Firenze, come Piazza della Signoria, Ponte Vecchio, Piazza Santa Croce, Piazza Pitti e tanti altri edifici ricchi di storia e prestigio. Piazza della Repubblica e Piazza Santa Maria Novella saranno impegnate invece per i servizi di supporto ai podisti.

Technogym sarà sponsor ufficiale della più importante corsa su strada del capoluogo toscano. Sarà presente con prodotti e programmi di allenamento dedicati alla preparazione atletica della corsa. Il protagonista in questo ruolo sarà il MYRUN.

La Firenze Marathon e la sua città

La Firenze Marathon non si dimentica facilmente.
Forse perché chi partecipa respira un'atmosfera intrisa di storia e di cultura. Forse perché si percorrono spazi che difficilmente possono essere dimenticati quando cala l'adrenalina. Oppure perché durante la corsa si costeggiano monumenti e palazzi che tutto il mondo invidia all'Italia. Ma la cosa certa è che le migliaia di podisti che si avventurano in questa Marathon, si ritrovano circondati da scorci paesaggistici unici.
Peraltro lungo un percorso piuttosto fluido e scorrevole, perché asfaltato e privo di dislivelli come vuole il regolamento IAAF.

Alla Firenze Marathon non ci sono distanze intermedie o ridotte a cui poter partecipare. Pertanto i diecimila maratoneti dovranno tentare di coronare la propria sfida solo sui 42 km. Oltre alla gloria ed al prestigio, ai finisher andranno sia medaglia che maglia entrambe caratterizzate dalla «graficizzazione» dello skyline fiorentino.

La Firenze Marathon ha avuto i suoi alti e bassi. I fiorentini hanno dovuto superare l'iniziale diffidenza verso questa corsa. Oggi sono entusiasti e fieri di ospitare un evento così prestigioso. E hanno ben pensato di trasformarlo, dopo le prime titubanze, in una vera e propria festa. Questo deve aver contribuito a posizionarla come seconda maratona in Italia, per numero di partecipanti, dopo quella di Roma.

Rimane il fatto che il percorso della Firenze Marathon è ineguagliabile, immerso tra monumenti di una bellezza senza tempo. Piazza del Duomo, Palazzo Vecchio, Santa Croce hanno assistito da prestigiosi spettatori ai 33 anni di Maratona. Permettendo così alla città del giglio di compiacersi di ospitare una delle corse più belle al mondo.

Le origini della più importante corsa su strada

Raccontare la Maratona in poche righe è impresa piuttosto ardua. Così come sottolinearne l'importanza storica è invece doveroso e soprattutto affascinante.
La gara olimpica di corsa su strada più lunga (42,195 km), dopo la marcia, prende il nome da una località nel sud della Grecia.

Proprio nella piana di Maratona, a poco più di 40 km da Atene, che nel 490 a.C. si combatté una  importante battaglia tra Ateniesi e Persiani.
In questo contesto Erodoto racconta di Filippide. In qualità di emissario di generali e politici ateniesi, l'emerodromo trasmetteva i messaggi correndo per chilometri. Questi messaggeri dovevano essere molto allenati per poter svolgere questa missione. Erano in grado infatti di percorrere circa 100 km in poco meno di otto ore. E quasi sempre su terreni impervi e selvaggi.

Filippide percorse il tratto da Maratona ad Atene per annunciare la vittoria degli Ateniesi sui Persiani. Ma morì subito dopo essere giunto a destinazione, per lo sforzo fisico. In realtà, pochissimi giorni prima, il povero emissario aveva corso da Atene a Sparta e ritorno, per cercare aiuto presso gli Spartani. Percorrendo così un un totale di 500 km,  in poco meno di 48 ore. Uno sforzo disumano che gli costò la vita, ma che aiutò gli Ateniesi a vincere.

Nei secoli si sono susseguite prove di corsa di lunghezza anche maggiore ai 42 chilometri ma a tappe. Ad esempio, nel XVIII secolo Foster Powell corse in lungo e in largo per l’Inghilterra coprendo, con delle soste, più di 600 km. Alla veneranda età di sessant’anni. Ma nonostante queste iniziative, la maratona è rimasta la regina delle corse di lunga distanza.
La vera maratona, nella sua accezione più moderna, si colloca nel 1896, anno della prima Olimpiade moderna, in cui fu inserita la prova di corsa di circa 40 km. E proprio in onore di Filippide e della famosa battaglia, fu chiamata maratona. Non a caso il percorso della maratona ricalca la distanza tra il ponte di Maratona e lo stadio Panathinaiko ad Atene.

Alla prima maratona olimpica del 1896 parteciparono 17 atleti uomini. Mentre oggi  mediamente si stimano circa 150 presenze.
Una curiosità: l'unico partecipante italiano, Carlo Airoldi, era andato da Milano ad Atene a piedi. Airoldi però fu squalificato perché accusato di essere un professionista, avendo già corso diverse volte gare di 50 km.
Degli altri partecipanti, infatti, nessuno aveva mai percorso una distanza così lunga più volte.
La gara fu vinta da un atleta greco di 23 anni, Spiridon Louis con il tempo di 2h58′50″.  Per avere un termine di paragone, consideriamo che alle Olimpiadi di Rio del 2016, il keniota Kipchoge ha vinto in 2h8'44''.

Alcune immagini del MYRUN TECHNOGYM durante la scorsa edizione

MYRUN TECHNOGYM

MYRUN di Technogym è il tapis roulant dal design essenziale ed elegante, progettato dai runner per gli amanti della corsa. Silenzioso anche a 20km/h , dall'ingombro minimo ed attivabile con un solo pulsante,  MYRUN è stato pensato per essere utilizzato con facilità ed immediatezza. Anche il suo montaggio è semplice e veloce: sono necessari solo 5 minuti di assemblaggio. Le sue misure, 176 centimetri di lunghezza e 78,5 centimetri di larghezza, permettono di collocare il MYRUN in qualsiasi punto dell'ambiente a disposizione. Le dimensioni contenute non compromettono la superficie di corsa e la comodità del movimento.

Technogym, ha progettato oltre al prodotto, una app dedicata. La MYRUN App permette di creare programmi di allenamento personalizzati in base alla forma fisica oppure ad obiettivi specifici. È possibile scaricare la app su smartphone o tablet, posizionarli sul supporto di MYRUN e iniziare l’allenamento scelto. Alcune funzioni della app permettono di rendere la corsa più performante e più divertente. Grazie all'indice running rate sarà possibile migliorare la corsa. Mentre attraverso la funzione running music verranno selezionati, direttamente dalla playlist contenuta nel device, i brani che meglio si adattano al ritmo di corsa.

Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. OK