Ricciòla superstar

Il pesce è uno di quegli ingredienti capace di mettere in soggezione persino chi bazzica con disinvoltura tra i fornelli. Si pensa sia troppo delicato, troppo pregiato, talvolta ostico da pulire e soprattutto troppo impegnativo da cucinare dopo una giornata carica di impegni.

Ebbene la ricetta di oggi smentirà i luoghi comuni che ingiustamente ci trattengono dal portare questo meraviglioso alimento sulla tavola di tutti i giorni. Niente coltelli giapponesi o pinze per deliscare, ma solo una padella, un frullatore a immersione e qualche minuto di forno.

Star del piatto è la ricciòla, una prelibatezza molto diffusa nei mari italiani che fa parte della famiglia del pesce azzurro, il che significa: altissimo valore nutrizionale in termini di acidi grassi, in particolare di omega 3 - fondamentale per la prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative - , ottima digeribilità e scarso apporto calorico, un portfolio di sostanze benefiche assolutamente invidiabile: selenio, calcio, iodio, fosforo, potassio, selenio, fluoro, zinco, vitamine A e B.

Melanzane, basilico e... ricciòla

I vantaggi per la salute e la linea sono molteplici dunque, ma il sapore? La ricciòla ha una carne molto compatta e soda, dal gusto delicato e pulito. Si abbina quindi perfettamente ai vegetali e in particolare alla melanzana, ai suoi aromi leggermente amarognoli e piccantini, qui mitigati dalla freschezza del basilico. Se cotta in forno e ridotta in crema insieme a dello yogurt magro, la melanzana diventa un delizioso intingolo da accompagnare al pesce, in un bouquet di profumi tutto mediterraneo.

Andando alla questione spinosa “ok, ma come si cucina la ricciola?”, la risposta è inaspettatamente banale: si prepara in padella, cuocendola velocemente, prima sulla sua pelle (sì, provate a mangiarla invece di scartarla, è buonissima!) e poi sulla carne, precedentemente spolverata con un pizzico di paprika.

Ingredienti per 4 persone

4 filetti di ricciòla da 250-300 gr l’uno
4 cucchiaini di paprika
30 ml di olio evo
sale q.b.
pepe q.b.

Crema di melanzana

3 melanzane
20 ml di olio EVO
40 gr di basilico
1 cucchiaio abbondante di yogurt magro
erba cipollina
sale q.b.
pepe q.b.

/related post

La rivoluzione vegana d'Israele

In pochi anni Israele ha vissuto un’autentica rivoluzione gastronomica. Quali fattori hanno trasfo...

Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. OK