Lisa Morgen – se usi una bici, meriti una buona bici

Quasi tutti i negozi della città di Copenaghen hanno l’ingresso al piano terra, e fanno capolino a ridosso della strada, ribassati rispetto al marciapiede da una manciata di gradini. Ogni porta richiude un microcosmo nascosto nel piano interrato dei palazzi, sotto le case degli abitanti.

Sull'angolo di una di queste strade, c’è un negozio di biciclette, forse uno dei tanti, che si distingue però fin da subito per il nome, più simile a quello di una band punk rock che a quello di un’officina: Thunder Fist. Tra quelle mura, dozzine di biciclette, vendute e riparate da una delle poche donne che gestiscono un’attività di questo tipo a Copenaghen: Lisa Morgen.

Ed il nome non a caso sembra completamente fuori contesto, come Lisa ci spiega volentieri: "Suonavo la chitarra in un gruppo, molti anni fa. Avrei voluto chiamarlo Thunder Fist ma gli altri non pensavano fosse una buona idea. Allora ho messo da parte quel nome, l’ho scritto su un pezzo di carta, sicura che lo avrei usato per qualcos'altro."
Lisa ha lavorato per molto tempo come meccanico in altre officine di biciclette, e negli anni ha coltivato l’idea di voler fare qualcosa di un po’ diverso a Copenaghen. Nonostante i moltissimi negozi di bici in città, sembrano tutti uno uguale all'altro. durante la sua esperienza Australia, Lisa ha notato un’attenzione diversa verso i clienti, verso la qualità di quello che viene offerto, che ha deciso di portare anche in Danimarca.

Ci sono così tante persone in questa città che usano una bici tutti i giorni, e credo che meritino di usarne una buona

Come spesso accade, tendiamo a scegliere un posto soprattutto in virtù delle persone che lo abitano. Lisa ha portato questo concetto all'estremo, estendendo la sua personalità a tutto l’ambiente, creando un’atmosfera incredibilmente familiare ed accogliente, per quella che in fondo è un’officina. Il risultato è un luogo che è difficile dimenticare, e a cui facilmente si ritorna.

L’amore per le bici, ed il desiderio di diffondere quella cura e attenzione verso quello che fa, si trasforma nella necessità di vivere e lavorare in un ambiente quanto più a lei caro. Entrando nelle prime ore del giorno si è subito investiti da un inteso odore di caffè filtrato, lasciato su un piccolo tavolino a disposizione di chiunque lo desideri; un profumo che si confonde con la musica che risuona costantemente nell'ambiente.

Ascolto musica per tutto il giorno. Una delle cose che preferisco nel lavorare qui è che posso ascoltare musica per otto ore consecutive, e decido io che musica ascoltare [...]

La confusione che regna nel negozio ha in qualche modo il sapore di casa, e se non fosse per le decine di biciclette sparse in giro per il negozio, forse sarebbe scambiata per tale. Non sorprende che i vicini del piano di sopra le chiedano saltuariamente di prendersi cura di loro figlio, ben felice di passare qualche ora a giocare a fare il meccanico.

Lisa ci racconta: "Credo che la maggior parte dei clienti vengano qui anche perché io sono qui. Mi piacerebbe aprire un altro negozio in futuro, e mi hanno consigliato di trovare una versione più giovane di me per gestirlo. Le persone che lavorano qui con me mi somigliano comunque già abbastanza, un po’ strane, ma autentiche."

Sono forse le piccole cose che rendono Thunder Fist un posto diverso dagli altri, come gli spessi ripiani in legno grezzo costruiti a mano usando alcuni alberi su cui Lisa si arrampicava da bambina, nel giardino di casa. Pezzi della sua infanzia, che le tengono compagnia ogni giorno,tra la musica, l’odore del caffè, e del grasso di bici.

L'amore di Lisa per le bici comincia fin dalla più tenera età, come lei stessa ci rivela: "Quando ero piccola c’erano due gemelli nella via in cui vivevo, ed un giorno li ho visti andare in bicicletta senza le rotelle. Allora ho trascinato la mia bici a casa, su per le scale, quasi ordinando che togliessero le rotelle anche a me. Era una piccola bici blu."

Per qualche motivo ricordo benissimo le biciclette che ho avuto, e meno i posti in cui sono andata con quelle bici.

All'interno di Thunder Fist, nulla è perfetto, nulla sembra al posto giusto, e per questo tutto funziona in perfetta armonia; perfino il sorriso di Lisa è leggermente sbeccato, eppure incredibilmente potente. Un piccolo pezzo perduto dopo una caduta e lasciato alla strada, dove Lisa torna religiosamente, soprattutto per lunghi viaggi in giro per il mondo, ovviamente in bicicletta.

 Mi piacciono i viaggi lunghi, dove vai in bici tutto il giorno, per due settimane. Passo magari sei mesi a programmare un viaggio, e poi prendo le mie cose, la mia tenda, la mia bici e parto.

Per alcuni, sia a Copenaghen che nel resto del mondo, muoversi in bicicletta è una necessità, una scelta dettata dall'ambiente in cui si vive. Per molti invece, è uno stile di vita. Sono persone che scelgono di seguire un ritmo diverso da quello imposto indirettamente dalle grandi città, che cercano di assaporare di più le piccole cose.
Ciò che rende Lisa diversa da molti, è il sapere cosa le piace e quello che ama. Ciò che rende Thunder Fist diverso dal resto, è l’idea di vendere una passione, prima che una bici.
C 41 Studio è un collettivo di talenti che si avvicina alla creatività attraverso più discipline. Si compone di giovani registi, fotografi e creatori di contenuti. Abbiamo grandi idee e le sviluppiamo. K48 è la nostra azienda di produzione associata.

/related post

Marcello Miani racconta il canottaggio dall'acqua allo SKILLROW

Tanta passione e tanta autostima: questo trasmettono le  parole del campione Marcello Miani mentre ...

Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. OK