Hobbyhorse: in Scandinavia l’equitazione è senza cavallo

Abilità, eleganza, coordinazione: da subcultura del Nord Europa, l’hobbyhorse si sta trasformando in una disciplina sempre più conosciuta e amata.
Hai sempre pensato che per andare a cavallo fosse necessario avere un cavallo? È probabile che tu non sia mai stato in Scandinavia. Perlomeno, è probabile che tu non ci sia stato di recente.
Tra le giovani ragazze del Nord Europa è sempre più di tendenza, e sono in tantissime a non avere dubbi che si tratti di uno sport a tutti gli effetti: si chiama Hobbyhorse e non è sbagliato definirlo Equitazione-ma-senza-cavallo. A dire il vero, i cavalli ci sono, però sono finti e non hanno il privilegio di possedere un corpo.

Ti abbiamo confuso un po’ le idee? Mettiamola così: prendi il dressage, togli il cavallo e sostituiscilo con uno finto.
Un attimo, dressage? Una disciplina equestre in cui cavallo e cavaliere eseguono movimenti geometrici, realizzando figure prestabilite dalle federazioni nazionali e internazionali per gli sport a cavallo, nel tentativo di impressionare giudici e pubblico.

Hobbyhorse-movimento

Ma allora, in definitiva, cos’è l'Hobbyhorse?

Si tratta di uno sport perlopiù femminile che consiste nell’eseguire coreografie e saltare ostacoli a cavallo di un manico di scopa dalla testa equina.

Al bando le facili ironie: questa attività ha già conquistato più di 10000 praticanti nella sola Finlandia. E sembra stia nascendo una vera a propria sottocultura intorno all’Hobbyhorse. Le atlete si prendono cura dei loro cavallini come fossero veri: li decorano e li pettinano, danno loro un nome, determinano la loro razza,  li coprono con una coperta quando dormono; e insieme ai sempre più numerosi appassionati hanno costruito una comunità particolarmente affiatata. Quello della community è infatti uno dei fattori più apprezzati da chi ha scelto di dedicarsi, da atleta o da spettatore, all’Hobbyhorse. E spesso anche chi smette di cavalcare resta legato alla comunità, ponendo maggiore attenzione all’aspetto “Artigianale” di questo hobby costruendo autonomamente dei propri cavallini. Quel che conta è il senso di appartenenza, che rimane e si rafforza.

Hobbyhorse Revolution

Selma Vilhunen, regista finlandese candidata al premio Oscar nel 2013 per il cortometraggio “Do I Have to Take Care of Everything?”, ha realizzato un documentario su questa disciplina, seguendo la vita di tre ragazze legate dalla stessa passione. L’uscita del film, intitolato “Hobbyhorse Revolution”, è stata anche occasione per lanciare la campagna social #kepparitkunniaan, traducibile in “Rispetta lo Hobbyhorse”, volta a condannare i pregiudizi che circondano questo sport. Il film è un’ulteriore dimostrazione di come quella dell’Hobbyhorse sia una comunità audace e accogliente, uno spazio sicuro che permette alle giovani ragazze di parlare di bullismo, confrontarsi, proteggersi e supportarsi. Praticando sport.
Hobby-Horses-challenge

Uno sport come tutti gli altri

Chi lo pratica non ha dubbi: l’Hobbyhorse aiuta a sviluppare la coordinazione nei movimenti, rivelandosi molto utile soprattutto per chi intende praticare il dressage. Ed è anche un modo di avvicinare al mondo degli sport a cavallo chi altrimenti non avrebbe modo di confrontarcisi.
E attenzione a scambiarlo per un gioco. Esistono già un’associazione e delle competizioni nazionali, come l’Annual Hobbyhorse Championships, tenutosi in aprile a Vantaa, Finlandia, dove chi è in gara merita sicuramente l’appellativo di “atleta”.
Hobbyhorse

/related post

I buoni propositi per il nuovo anno: una tradizione di benessere

Prendersi un momento per scrivere una lista di buoni propositi per il nuovo anno, un’attività imp...

Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. OK