Il fitness non conosce stagione: come allenarsi anche d’inverno

In inverno trovare la disposizione giusta per fare esercizio fisico può risultare difficile, soprattutto per chi è abituato ad allenarsi all'aperto. Ma con i giusti accorgimenti l’inverno può diventare un’occasione per dedicarsi al fitness con maggior entusiasmo e soddisfazione
Che tra gli ostacoli più grandi all’attività fisica vi sia quello della motivazione è fatto risaputo. Svegliarsi presto, prepararsi, uscire di casa: la lista di quelli che si sono fermati ancora prima della partenza è lunga almeno quanto quella delle ragioni che li hanno scoraggiati. E in inverno il discorso è più che mai valido: condizioni climatiche non proprio piacevoli rendono l’idea di allenarsi per nulla attraente. Per non rinunciare al fitness in nessuna stagione, la motivazione è proprio il primo elemento di cui tenere conto, curando con particolare attenzione l’aspetto emotivo e mentale.
Cold winter

I benefici dell’allenamento in inverno

In generale, la ragione che più di ogni altra spinge le persone a dedicarsi all’attività fisica è il desiderio di mantenersi in forma. Bruciare i grassi e perdere il peso in eccesso è un obiettivo nel quale in moltissimi si possono riconoscere. Da questo punto di vista, l’inverno è un complice da non trascurare. Come diversi studi hanno dimostrato, infatti, l’esercizio a temperature basse brucia il grasso più velocemente rispetto a quello praticato in condizioni favorevoli, attivando i depositi del  “grasso bruno” per aumentare la temperatura corporea.

Inoltre, l’esercizio fisico invernale è un vero toccasana per l’umore. Il freddo e il buio influiscono notevolmente sulla salute psicologica, tanto che per indicare il cosiddetto “Winter blues” gli psicologi parlano di “Disturbo affettivo stagionale”. È stato provato che l’attività fisica ha un impatto molto positivo anche sotto quest’aspetto, rivelandosi di grande aiuto per chi soffre la malinconia invernale.

Rendersi le cose facili

Al di là  dei vantaggi oggettivi dell’esercizio a basse temperature, è fondamentale escogitare qualche strategia per non cedere alla tentazione della combo piumone+cioccolata calda. La prima regola è un consiglio sempre valido: pianificare. Calendarizzare le sessioni di allenamento riduce drasticamente le probabilità di autosabotaggio, anche se spesso non è abbastanza. Per assicurarsi il successo, bisogna essere bravi a facilitarsi le cose: se si fa esercizio al mattino, per esempio, ridurre il periodo di transizione dal letto al gelo della strada è determinante. Come insegnava la mamma, prepararsi i vestiti la sera precedente è una piccola astuzia molto efficace.

Poche cose riescono a smuoverci quanto il senso di responsabilità o, meglio, di colpa. Trovarsi un compagno di allenamento è una strada che incrementa ancora di più le possibilità di riuscire nell’impresa (insieme a quelle di odiarlo e di odiarsi).

Infine, un ottimo modo di evitare le defezioni è porsi un obiettivo chiaro. Una gara non troppo vicina né troppo lontana nel tempo può essere lo stimolo giusto per allenarsi con regolarità.

Women, Sport, Push-ups, Athlete, Exercising, fit, adult, female, lifestyle

Andare preparati

Chiaramente, l’esercizio all’aperto quando fa molto freddo richiede il giusto equipaggiamento.

Chi pratica abituaelmente running in inverno consiglia di vestirsi a strati: uno strato di tessuto sintetico per combattere l’umidità, uno di pile o di lana per l’isolamento termico, e uno di materiale traspirante per contrastare il vento. Dal momento che la circolazione del sangue tende a concentrarsi nel torso, è importante coprire le estremità che sono più esposte al freddo: guanti e cappello sono irrinunciabili, come anche calzini di lana o termici.

Detto ciò, è altrettanto importante non vestirsi troppo. Quando si praticano attività ad alta intensità, infatti, troppi vestiti inducono il corpo a sudare eccessivamente, e la pelle umida favorisce la perdita di calore e l’abbassamento della temperatura corporea.

Quando evitare

Ora che sai tutto su come affrontare l’inverno, è arrivato il momento di imparare quando allenarsi all'aperto non è davvero una buona idea. Potrebbe sembrare incoerente, ma ogni eroe che sia tale sa molto bene quando è il caso di battere in ritirata.

Prima di tutto, uscire per fare esercizio non è una buona idea se la temperatura è scesa sotto i -15°C (c’è davvero bisogno di dirlo?).  Situazioni estreme a parte, da evitare sono la pioggia e il vento: l’acqua, a causa della sua maggiore densità e capacità termica, allontana il calore dal corpo venticinque volte più velocemente dell’aria, e il vento lascia filtrare molto più facilmente l’aria e l’umidità attraverso i vestiti, neutralizzando lo strato di aria calda che generalmente circonda il nostro corpo.

Per farla breve: i buoni propositi sono sempre da ammirare, ma a tutto c’è un limite.

correre in inverno

C’è sempre un’alternativa

In ogni caso, non poter uscire non significa necessariamente dover rinunciare all’allenamento. Anzi, le condizioni atmosferiche avverse possono essere la scusa perfetta per partecipare a quella lezione di hot yoga che rimandi da settimane. E comunque c’è sempre la palestra.

/related post

Wearable tech: i pro e i contro delle funzioni per la salute

I possessori di wearable device, come gli smartwatch, vogliono tener traccia degli allenamenti e dei...

Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. OK