Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui.
OK

Non riesci ad addormentarti? Con qualche accorgimento può essere più semplice

Ti capita mai di non riuscire ad addormentarti e di arrivare inesorabilmente non riposato al suono della sveglia? Ecco alcuni consigli per favorire il rilassamento e addormentarsi più facilmente.

Sono molte le persone che trovano difficoltà nel momento prima del sonno. I fattori esterni possono distrarci dall’addormentarci o condizionare il nostro riposo, ma a volte si tratta di un problema fisiologico che può essere risolto con alcuni accorgimenti. Mentre i meccanismi biologici dell'impatto del sonno sul nostro benessere mentale non sono pienamente compresi, gli esperti sanno che una buona notte di sonno giova al nostro stato emotivo. Gli studi hanno trovato che la privazione del sonno influisce sui livelli dei nostri neurotrasmettitori e sugli ormoni dello stress, che compromettono la regolazione delle nostre emozioni esacerbando i disturbi psichiatrici e i sentimenti negativi. È fondamentale avere abbastanza ore di sonno ogni notte per mantenerci mentalmente in forma. A volte sembra impossibile calmare la nostra mente alla fine di una giornata stressante, ma alcuni consigli potrebbero permetterci di addormentarci con più facilità.

Avena

Anche se la maggior parte delle persone la associa al momento della colazione, in realtà l'avena è un ottimo spuntino notturno e buona fonte di melatonina, un ormone spesso usato come aiuto per il sonno perché in grado di dare equilibrio al nostro ritmo circadiano. L'avena inoltre contiene il triptofano, amminoacido precursore della serotonina, neurotrasmettitore del cervello.

Gli studi hanno trovato il triptofano più facilmente assorbito se ingerito con carboidrati; l'avena è un carboidrato a grani interi, quindi un modo nutriente ed efficace per aumentare la serotonina. E il condimento? Ricoprite i vostri fiocchi d'avena con ciliegie o banane per aumentare le probabilità di addormentarsi rapidamente. Le ciliegie sono un'altra fonte di melatonina, e gli elettroliti di magnesio e potassio nelle banane possono aiutare a calmare il corpo. Molto importate è stare lontani da zuccheri aggiunti e avena raffinata quando si prepara lo spuntino per indurre il sonno se non si vuole ottenere l’effetto opposto.

Camomilla

Provate a sorseggiare una tazza di camomilla calda prima di andare a letto, oltre ad avere un’azione lenitiva, la camomilla contiene l'apigenina, un antiossidante che si lega ai recettori cerebrali per incentivare la sensazione di sonnolenza. Studi hanno dimostrato che gli adulti che consumano camomilla si addormentano 15 minuti prima di chi non ne assume e dormono sonni più tranquilli di coloro che non lo fanno.

Oltre ai suoi effetti stimolanti per il riposo, bere una tazza di camomilla prima di andare a letto aiuta a diminuire l'ansia: la ricerca infatti suggerisce persino che la camomilla sia un ottimo ansiolitico in grado di ridurre la GAD (Disturbo d’Ansia Generalizzato) negli adulti, se preso nel corso di 12 settimane.

Temperatura

La temperatura non solo svolge un ruolo essenziale nell'aiutarci a dormire, ma influisce anche sulla velocità con cui ci si addormenta. Il ritmo della temperatura circadiana, o variazione della temperatura corporea, aiuta a coordinare il nostro ciclo sonno-veglia. Come il nostro corpo e la temperatura del cervello si raffredda, abbiamo più probabilità di addormentarci – gli esperti suggeriscono che si può avvertire l'insonnia quando la temperatura corporea non riesce a diminuire. Per abbassare la vostra temperatura provare a fare un bagno caldo qualche ora prima di andare a letto restando nella vasca per circa 10 minuti. Gli studi hanno riscontrato che questo metodo aiuta a diminuire la latenza del sonno, o il tempo necessario per addormentarsi, in quanto stimola il raffreddamento naturale della temperatura corporea. Comportamenti termoregolatori, come la regolazione della temperatura dell’ambiente, sono anche essenziali perchè ci aiutano a creare un ambiente ottimale per addormentarci. Su questo argomento è consigliato impostare i nostri termostati tra i 15,6 e i 19,4 gradi per provare a favorire il sonno.

/related post

Gestire la mente per non cedere alle tentazioni e vincere il desiderio di comfort food

Uno studio del MIT ha dimostrato che i desideri che proviamo durante i periodi di isolamento sociale...