L'impatto sociale positivo degli allenamenti a circuito

Viviamo in una società che ci obbliga a ritmi frenetici, all’essere sempre all’avanguardia ed estremamente competitivi. Chi non conosce i modi di dire il tempo è denaro o chi dorme non piglia pesci? Siamo sempre di fretta e questo inevitabilmente porta all’inaridirsi dei rapporti tra le persone: ciò è facilitato dall’uso routinario dei social e dei metodi di comunicazione tecnologici (email, sms, whatsapp, ecc.) a discapito del dialogo e del rapporto diretto interpersonale.
Abbiamo bisogno di rallentare, anche solo per qualche istante durante la giornata, valorizzando una delle caratteristiche naturali dell’uomo che si sta perdendo, quella di essere un Essere Sociale.
In questo articolo cercheremo di dimostrare quanto sia importante l’attività fisica non solo nel miglioramento dell’organismo in generale ma anche quanto sia positivo l’impatto sociale che tale attività possiede e di come possa essere una soluzione anche per molti problemi e disagi tipici della società moderna.

Lo faremo concentrandoci su una specifica attività di allenamento nato agli inizi della seconda metà del XX secolo ma tornato in auge negli ultimi anni: il circuit training.

Circuit training: cos'è e come funziona

Il Circuit Training è una tipologia di allenamento impostata sulla creazione di stazioni di lavoro, simili o diverse tra di loro, con l’obiettivo di rendere l’allenamento completo e performante; con questa metodologia è possibile impostare le sedute di allenamento lavorando a tempo o a ripetizioni, ed è possibile praticarlo con diversi tipi di attrezzatura: dalle macchine tradizionali da palestra (tapis roulant, cyclette, remoergometro, per poi passare alle macchine isotoniche come chest press, pectoral machine, leg press, ecc.), alle attrezzature più moderne del mondo funzionale come Skillmill, Skillrow, Skillbike e Skillrun, fino ai piccoli attrezzi dedicati all’allenamento a corpo libero come palle mediche, foam roller, slamball e funicella (Skilltools).
Proprio per seguire il filone dell’allenamento funzionale, esploso in particolare nell’ultimo decennio, concentrandosi sulle attività di circuit training, nascono differenti soluzioni di workout che permettono alle palestre di concentrare gruppi di persone nello stesso momento e nello stesso spazio al fine di sviluppare un allenamento comune: nascono le attrezzature specifiche per il circuit training.

Penso che sia questa la carta vincente di tale attività, soprattutto in un periodo storico come questo che vede lo sviluppo sempre più veloce della tecnologia e ci obbliga a trascorrere diversi momenti della nostra quotidianità isolati su computer e cellulari. Proprio grazie alla tecnologia c’è stato uno sviluppo considerevole dei social network, basti pensare all’espansione di e di Instagram negli ultimi anni.

Concentriamoci un attimo su Instagram: nel secondo semestre del 2018 gli utenti attivi mensili nel mondo ammontano ad 1 miliardo. La maggior parte degli utenti ne è diventata veramente addicted soprattutto negli ultimi due anni e in questo caso le Stories hanno avuto un ruolo chiave.

Introdotte ad agosto 2016, le Instagram Stories sono probabilmente la feature che più di tutte ha cambiato le sorti del social, aprendo ancora di più la strada ai video e facendo rapidamente crescere gli utenti.

Perché questo discorso? Il motivo è molto semplice: la volontà di poter condividere le esperienze della propria quotidianità e le proprie attività con altre persone è sempre più alta e ci si affida a questi supporti tecnologici per farlo.

Basti pensare come si è evoluta la tecnologia all’interno del mondo del fitness:

  • la nascita di attrezzature che ci permettono di condividere in tempo reale i risultati dei nostri allenamenti attraverso mywellness
  • lo sviluppo delle applicazioni dedicate al fitness che permettono di creare community di persone che interagiscono tra di loro scambiandosi esperienze di allenamento oppure danno la possibilità di creare gruppi di persone che si danno appuntamento per allenarsi insieme
  • la nascita dei fitness tracker e le loro relative community che permettono alle persone di scambiarsi dati di allenamento e addirittura sfidarsi tra loro su chi ottiene il miglior risultato
  • la creazione di eventi dedicati al fitness nei quali si invogliano le persone a praticare attività di gruppo con lo scopo di aiutarle ad interagire tra di loro
Da questi numeri e da queste motivazioni si capisce quanto diventi importante un’attività di gruppo strutturata e solida come il circuit training: una tipologia di allenamento che permette alle persone di interagire tra di loro, condividendo la stessa esperienza, nello stesso spazio e nello stesso momento, grazie anche all’architettura dell’atrezzo. Questa è l’arma vincente: dare la possibilità alle persone di ritagliarsi un momento in cui unire l’utile al dilettevole, quindi di allenarsi ma farlo in compagnia e di socializzare con altri individui. In fin dei conti si tratta anche in questo caso di ottimizzare i tempi: ci possiamo allenare in modo performante e socializzante.

Skillathletic e il circuit training: le classi Boost e Fast

Lo Skillathletic training è una metodologia di allenamento completamente nuova, con l’obiettivo di sviluppare le abilità atletiche (dette skills) dei propri partecipanti, migliorandone la performance sportiva ed atletica. Questo allenamento, che trae profonda ispirazione dalla tradizione sportiva, non è riservato ai soli atleti di élite, ma permette a tutti coloro che hanno spirito di competizione e grinta da vendere di incrementare la propria efficienza e performance in ogni sport.

Fra le classi di Skillathletic, Boost e Fast sono quelle che più si avvicinano alla tipologia del circuit training. Nel dettaglio:

Boost Class

In questa classe, l'obiettivo è semplice: muoversi, sudare, alzare la frequenza cardiaca - in poche parole, non fermarsi mai. Ciò che conta non è il numero di ripetizioni, ma per quanto tempo si può andare avanti senza fermarsi. Spesso le classi Boost propongono allenamenti da svolgere in team, composti da due o più partecipanti di classe che si sostengono a vicenda per completare la classe.

Fast Class

Una tipica classe FAST è composta da due blocchi di allenamento, ognuno dei quali contiene un mix di esercizi di velocità ed esercizi di agilità. Insieme all'allenamento fisico alla massima intensità, l'apprendimento delle basi della corsa è un elemento chiave di questa classe, perché per superare i propri limiti, tecnica ed efficienza sono componenti fondamentali.

/related post

I benefici dello stretching con Flexability

Il nostro corpo parla di noi e di quanto teniamo al suo benessere. Scopriamo come lo stretching può...

Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui. OK