Sotto la cintura: gambe in forma grazie alla corsa

La corsa è un ottimo modo di mantenersi in forma e offre molti benefici, come migliori condizioni di salute, fitness e benessere generale. Tuttavia, come in tutte le attività fisiche è importante essere a conoscenza del rischio di lesioni che essa comporta e dei modi per riconoscerle e trattarle (a casa o con l'assistenza di un medico). Nel caso malaugurato di un infortunio, questa stessa conoscenza ti permetterà di tornare a correre nel più breve tempo possibile.

In molti casi è possibile prevenire le lesioni poiché provocate da stiramenti e distorsioni causati da superallenamento e stile, tecnica o attrezzatura non corretti. Quando la lesione tuttavia si verifica, riconoscerla per tempo e ricorrere subito alle cure corrette può accelerare la guarigione e ridurre il rischio di postumi nel lungo periodo. Il treadmill MYRUN di Technogym premette di prevenire eventuali lesioni migliorando il tuo stile di corsa e dandoti direttamente un feedback immediato.

Molte lesioni di questo tipo sono di poco conto o soltanto moderatamente gravi, pertanto occorre accertarsi di curarle in breve tempo e senza peggiorarne lo stato.  Questo articolo intende spiegare come riconoscere alcune delle lesioni più frequenti attraverso l'interpretazione dei sintomi correlati; e come trattarle in modo rapido ed efficace per tornare a macinare chilometri prima, senza inutili rinvii!

Gambe

1. Strappi muscolari

 Causa: gli strappi muscolari, dovuti ad una lacerazione nelle fibre di muscoli o tendini, sono lesioni molto comuni in qualsiasi attività sportiva che comprenda cicli ripetuti di contrazione e allungamento della muscolatura.  I muscoli sono infatti come il chewing gum. Più mastichi il chewing gum, più diventa flessibile e può allungarsi senza strapparsi. Il corretto riscaldamento dei muscoli prima di un'attività fisica intensa conferisce loro maggiore elasticità, riducendone l'esposizione al rischio di lesioni. Tralasciare la fase di opportuno riscaldamento della muscolatura prima di uno sforzo intenso corrisponde infatti a tentare di allungare un pezzo di gomma ancora non ammorbidito: a causa della mancanza di elasticità il suo allungamento può con tutta probabilità causarne lo strappo, o lacerazione. Strappi muscolari comuni tra i runner sono:

Gemelli

Sintomi: a seconda delle gravità. Sensazione di tensione nei tessuti, dolore nei movimenti, crampi, gonfiori e lividi, sensibilità al tatto. Non così frequente invece, in caso di completa lacerazione o rottura del muscolo, è il dolore intenso e immediato, tale da non consentire assolutamente di camminare sulla gamba lesionata.

 Inguine

Sintomi: dolore e sensibilità in corrispondenza dell'inguine e nell'interno della coscia, dolore nell'unire le gambe o nel sollevare le ginocchia, sensazione di schiocco o strappo al momento dell'infortunio e seguita da dolore intenso.

 Adduttori della coscia

Sintomi: a seconda della gravità. Dolore improvviso e intenso durante gli esercizi, insieme alla sensazione di schiocco o strappo, dolore nella parte posteriore della coscia e nella parte inferiore dei glutei durante la camminata, durante l'estensione delle gambe o quando ci chiniamo, incapacità di camminare o stare in piedi, ipersensibilità o lividi.

 Trattamento: a prescindere dal gruppo muscolare interessato, il trattamento degli strappi muscolari di lieve o moderata gravità in una delle aree sopra riportate consiste nell'applicazione del protocollo PRICE (prevention, rest, ice, compression, elevation):

Prevenzione
Riposo
Ghiaccio
Compressione
Elevazione

Sono rimedi efficaci anche l'assunzione di antidolorifici in funzione antiinfiammatoria (ricorda che le medicine possono avere effetti collaterali quindi si possono utilizzare soltanto per brevi periodi salvo diversamente prescritto dal medico) e l'esecuzione di esercizi specifici, pensati per rafforzare la muscolatura.

  1. Sindrome del pirifome – sciatica

Causa: il pirifome è un importante muscolo coinvolto in quasi tutti i movimenti della parte inferiore del corpo e si trova negli strati profondi dei glutei. La sua funzione è di stabilizzare le articolazioni delle anche e di mettere in rotazione la coscia allontanandola dal corpo.  Il dolore è provocato dalla pressione del muscolo pirifome contro il nervo sciatico.

Sintomi: dolore, formicolio o addormentamento nella parte posteriore in caso di estensione della gamba verso il basso, con peggioramento da seduti o nel salire le scale.

Trattamento: riposo e allungamento; siediti con la caviglia della gamba colpita dalla lesione incrociata sulla coscia dell'arto opposto; sporgiti in avanti e mantieni la posizione contando fino a 15. Ripeti l'esercizio per 3-5 volte per lato. Quando arriva il momento di tornare al proprio programma di allenamento, evita la corsa in salita oppure su falsopiani, assumi posture corrette e accertati di eseguire correttamente anche le fasi di riscaldamento e di allungamento.

  1. Sindromi compartimentali attenuate

Causa: sindrome compartimentale attenuata è un termine generico per indicare dolori causati dalla corsa intensa e prolungata su superfici dure, come strade e pavimentazioni. L'incidenza del rischio aumenta quando si corre da meno di 5 anni, si indossano scarpe non adatte o usurate, si è in condizioni di sovrappeso, si hanno i piedi piatti, si soffre di rigidità nei muscoli del polpaccio o di instabilità nelle caviglie.

Sintomi: il dolore si avverte lungo l'osso tibiale, ovvero si estende verso il basso lungo la parte interna della tibia; e inizia con una sensazione di sofferenza attenuata, ma che può diventare molto dolorosa se ignorata, ovvero quando si prosegue ugualmente l'allenamento.

Trattamento: riposo, ghiaccio e antidolorifici da banco sono i principali modi di trattamento.

Non necessariamente si avverte dolore, tuttavia in tal caso la posizione da assumere deve essere di riposo, consentendo il pieno recupero della funzionalità prima di tornare alla pratica sportiva. La maggior parte degli stiramenti e delle distorsioni sono di gravità lieve o moderata e possono essere trattate a casa con il protocollo PRICE (Protection, Rest, Ice, Compression, Elevation). Prendersi cura di sé è assolutamente importante: assicura nel tempo che le tue esperienze di corsa siano divertenti e soprattutto sicure. Ricorda infine di ricorrere sempre al parere del medico o del fisioterapista ogni volta che il dolore è intenso o sospetti che la lesione sia grave.