Introduzione al dimagrimento

Non ci sono scuse per non muoversi. Spesso si pensa di non avere tempo per l’attività fisica, ma mantenere il peso ideale è fondamentale per la salute. Anche dimagrire nel modo giusto è altrettanto importante.

Il sovrappeso

Essere sovrappeso o clinicamente obesi significa avere un elevato apporto calorico e un basso dispendio energetico. Per perdere peso è importante ridurre l’apporto calorico sia con la dieta sia praticando una regolare attività fisica, perché la dieta è sempre più efficace se abbinata al movimento. In ogni caso abbinare l’attività fisica rende sempre più efficace la dieta.

Molte persone non si allenano correttamente

Molti, per perdere peso, si allenano, ma lo fanno nel modo sbagliato, perché pensano che un intenso esercizio cardio o sessioni prolungate consentano di dimagrire più velocemente e tengano lontano i chili di troppo. Questo metodo, in realtà, si rivela inefficace. Per non perdere i benefici dell’allenamento è importante non esercitare troppo stress sul corpo, scegliendo quotidianamente quelle attività che non sovraccarichino inutilmente l’organismo.

Esercizio graduale e regolare

Un’attività fisica graduale e regolare, abbinata a una dieta sana è fondamentale per perdere peso, tenere lontano i chili di troppo e mantenere uno stile di vita salutare. Un programma di allenamento equilibrato deve comprendere sia esercizi di forza che esercizi aerobici. Gli esercizi di forza sono importanti per aumentare la massa muscolare poiché sono i muscoli che bruciano la maggior parte delle calorie assimilate con l’alimentazione. Le attività aerobiche, quali la camminata, la corsa, il nuoto, la bicicletta e, in generale, tutte le attività che coinvolgono grandi gruppi muscolari, favoriscono il dimagrimento e la tonificazione.

Una regolare attività fisica riduce il rischio di malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione e obesità e può aiutare a sembrare e sentirsi più giovani a lungo.

La giusta attività fisica

In casi estremi, un eccesso di attività fisica può avere effetti negativi sul dimagrimento. In condizioni normali, il cortisolo, noto anche come ormone dello stress, interviene per aiutare il corpo a superare situazioni di stress come un digiuno prolungato. Alcuni studi hanno dimostrato che livelli più alti e prolungati di cortisolo nel sangue hanno, invece, effetti negativi favorendo il deposito di grasso soprattutto a livello addominale.

Praticare attività fisica a digiuno

Un’abitudine diffusa tra chi vuole dimagrire è quella di allenarsi a digiuno. Se da un lato può essere un vantaggio, dall’altro è rischioso per la salute. La durata consigliata di attività aerobica a digiuno è di circa 40 minuti; oltre tale durata, si potrebbe ricorrere al consumo delle proteine di scorta, con conseguente catabolismo muscolare, cioè distruzione della massa muscolare.

Bruciare calorie anche a riposo

È naturale ridurre la quantità di cibo assunto per diminuire l’apporto calorico. Tuttavia, adottare misure drastiche, come diete basate solo sull’assunzione di frutta e verdura o eliminare del tutto determinati cibi, comporta una perdita di peso dovuta alla riduzione di fluidi e di massa muscolare. Tali metodi non sono né efficaci né salutari nel lungo periodo. Il solo movimento brucia calorie: per questo motivo è necessario mantenere la massa muscolare, perché i muscoli presentano un elevato tasso metabolico basale (BMR) che incide sulla velocità con cui si bruciano calorie e, in definitiva, sul mantenimento, sull’aumento o sulla perdita di peso. Il tasso metabolico basale rappresenta circa il 60% - 75% delle calorie bruciate ogni giorno.

L’attività fisica e l’alimentazione sono due elementi complementari. Per dimagrire in modo intelligente occorre abbinare la giusta quantità di attività fisica a un regime alimentare corretto.

 

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Leggi Come dimagrire in modo efficace
Leggi I benefici del dimagrimento
Leggi Domande & Risposte