Passa al funzionale!

L'esecuzione di serie sulla macchina Leg Press sviluppa la massa muscolare e incrementa la frequenza cardiaca. Ma se l'obiettivo è riuscire a prendere il treno al volo o ad alzarsi dal divano senza sforzo, servono anche esercizi che replichino proprio questi movimenti.

L'allenamento funzionale punta a migliorare le nostre prestazioni nella vita quotidiana. La maggior parte delle persone si allena in maniera tradizionale, per tonificare i tessuti, dimagrire o potenziare l'efficienza cardiovascolare: l'allenamento funzionale, invece, va oltre l'allenamento di forza o cardio.

Gli esercizi funzionali, spesso eseguiti a corpo libero, con attrezzi a cavi e palle, o sfruttando carichi naturali, sollecitano contemporaneamente diversi muscoli e articolazioni, interessando tutte e tre le dimensioni (verso l'alto e verso il basso, in avanti e all'indietro, e lateralmente): se ci pensiamo, è esattamente ciò che avviene normalmente, durante la nostra giornata. Ci si prepara così ad eseguire tutti i movimenti solitamente compiuti al di fuori della palestra. È importante sottolineare, tuttavia, che gli esercizi che risultano funzionali per un giocatore di tennis sono diversi da quelli funzionali per un maratoneta, un ciclista, o una persona anziana che vuole preservare la propria mobilità. Ogni allenamento funzionale deve dunque essere individualizzato, e aiutare a centrare i propri obiettivi sia in palestra che altrove.

Se una migliore forma fisica e la riduzione della massa grassa non sono tra gli obiettivi dell'allenamento funzionale, essi, tuttavia, compaiono invariabilmente tra i risultati ottenuti: ampi movimenti compositi aiutano a bruciare più calorie e favoriscono la crescita muscolare molto più efficacemente, e in tempi più brevi, rispetto a esercizi isolati. Inoltre, dato il coinvolgimento di regioni corporee più estese, e talvolta, di tutto il corpo, per l'esecuzione di un singolo movimento, gli esercizi funzionali fanno lavorare anche i più piccoli muscoli stabilizzatori. Il rafforzamento di questa muscolatura riduce il rischio di infortuni sportivi, limitando gli squilibri muscolari.

C'è poi un vantaggio in più: gli esercizi funzionali sono divertenti. In quanto pluridimensionali, tendono ad essere molto coinvolgenti. Inoltre, anche se si apprezzano l'allenamento tradizionale con i pesi o le sessioni cardio, gli esercizi funzionali sono un'ottima aggiunta alla solita routine, e possono aiutare a raggiungere nuovi traguardi in termini di perdita di peso e sviluppo della forza.

Pronto a potenziare il fattore funzionalità del tuo allenamento? Prova ad aggiungere al programma questi tre movimenti funzionali, eseguibili con le linee ARKE, KINESIS e OMNIA di Technogym:

1

Affondo indietro con Sollevamento sopra la testa - Palla medica ARKE

Questo esercizio espande le anche e allunga i flessori dell'anca, che tendono ad accorciarsi se inattivi (questo effetto è amplificato se si rimane seduti per molte ore con le anche piegate).

Tenere la palla medica con entrambe le mani di fronte a sé all'altezza del bacino, fare arretrare il piede sinistro, e piegare entrambe le ginocchia in affondo. Contemporaneamente, sollevare la palla al di sopra della testa, mantenendo il tronco diritto con gli stabilizzatori attivati. Mantenere la posizione, poi abbassare la palla e fare pressione sul tallone destro per ritornare in posizione eretta. Si è così completata una ripetizione.

2

Spinta con rotazione – KINESIS Press
Questo esercizio è eseguibile in esclusiva su KINESIS, perché il sistema full-gravity brevettato applica una resistenza al movimento in tutte le direzioni, rotazioni comprese, imitando il movimento quotidiano dell'articolazione della spalla.

Sedersi su KINESIS e afferrare le impugnature con entrambe le mani. Effettuare spinte in avanti con un movimento circolare continuo, alternando le impugnature. Per una maggiore attivazione degli stabilizzatori, staccare il busto dallo schienale e sporgersi leggermente in avanti.

3

Squat su gamba singola con Lift Band - OMNIA
Fuori dalla palestra, capita raramente di caricare il peso su entrambe le gambe contemporaneamente. Quando camminiamo, corriamo, o ci pieghiamo in avanti, solitamente è un'unica gamba a svolgere gran parte del lavoro. Questo esercizio carica un arto per volta, migliorando l'equilibrio e rafforzando i muscoli stabilizzatori.

Posizionarsi in piedi sulla terza linea di fronte al Lift Band OMNIA, appoggiando la parte superiore del piede sinistro sulla banda. Portare in avanti il braccio sinistro, piegare le ginocchia e abbassarsi finché le anche non risultano all'altezza del ginocchio in posizione avanzata. Il ginocchio non deve sporgere oltre la punta del piede. Mantenere la posizione, poi rimettersi in movimento con una spinta indietro. Si è così completata una ripetizione.