L’impatto dei meeting virtuali sulla salute

Uno degli elementi identificativi della pandemia è stato lo svolgimento del lavoro direttamente da casa e delle riunioni virtuali attraverso piattaforme online, una modalità che molte aziende continuano ad adottare.
Le piattaforme che consentono di svolgere riunioni virtuali hanno indubbiamente portato molti benefici, come facilitare le conversazioni e permettere alle aziende di portare avanti il loro operato, ma anche conseguenze meno positive, come la riduzione del tempo dedicato all'attività fisica.
Numerosi studi hanno dimostrato che mantenersi attivi quotidianamente è fondamentale per diminuire il rischio di malattie cardiovascolari. Per questo motivo, è importante trovare il giusto equilibrio tra il tempo dedicato al lavoro attraverso l'uso di piattaforme virtuali e quello dedicato all'attività fisica.

Per riuscire in questo obiettivo, è possibile seguire alcuni consigli per mantenere uno stile di vita attivo nonostante le riunioni virtuali:

  • ridurre il numero di riunioni virtuali per diminuire l'overloading non verbale
  • prendersi una pausa di almeno 10-15 minuti tra un meeting e l'altro e utilizzare questo tempo per fare un po' di esercizio fisico
  • spegnere la webcam e fare stretching o brevi camminate all'interno della stanza ogni 25-30 minuti durante una riunione.

Alicia T. Bryan, Ph.D., FACSM - Raymond Jones, Ph.D.

Attualmente, le aziende stanno identificando gli elementi identificativi della pandemia che si sono dimostrati benefici e che vale la pena implementare in modo permanente. Tra questi c'è il mantenimento di una componente virtuale per riunioni ed eventi e la continuazione dello svolgimento del lavoro da casa. Tutte le modalità di lavoro virtuali (ad esempio, videoconferenze, riunioni online, webcast, riunioni web, webinar) hanno dei benefici. Dall'altra parte, però, quali sono i costi per la salute di un individuo?

Le aziende hanno a lungo utilizzato le piattaforme per le riunioni virtuali come veicolo per facilitare le conversazioni. La recente impennata nell'utilizzo di tali canali ha permesso alle aziende di portare avanti il proprio operato, agli studenti di rimanere istruiti e a famiglie ed amici di mantenersi in contatto durante i periodi di isolamento e distanziamento sociale. Se, quindi, sotto questi punti di vista, la crescente popolarità delle piattaforme virtuali è stata benefica, gli individui dovrebbero prendere in considerazione anche le conseguenze meno positive generate sulla salute fisica e mentale dall'eccessivo tempo trascorso davanti allo schermo e seduti, soprattutto in uno scenario post-pandemico.

Essere virtuali: a quale costo?

La flessibilità dell'essere virtuale ha aumentato l'attività sedentaria e il tempo trascorso davanti allo schermo, e ha diminuito la quantità di tempo speso in attività fisica. Ma quest'ultima è fondamentale, poiché riduce il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, il diabete di tipo 2 e diversi tipi di cancro.

I ricercatori stimano che, prima della pandemia, un adulto passava in media più di otto ore al giorno seduto. La pandemia ha portato ad un significativo aumento globale del tempo trascorso stando seduti, e tale inattività fisica ha un costo stimato di 53,8 miliardi di dollari in tutto il mondo. Gli individui che erano attivi prima della pandemia sembrano subire un peggioramento relativo alla salute mentale, sperimentando una significativa riduzione dell'attività fisica e un simultaneo aumento del tempo trascorso davanti allo schermo.

L'impatto che l'aumento delle riunioni virtuali ha avuto sull'attività fisica e sulla salute degli individui deve ancora essere determinato. Tuttavia, sappiamo che più le persone sono attive, meno rischiano di sviluppare malattie cardiovascolari; inoltre, è risaputo che l'esercizio fisico preserva la salute mentale. Supponiamo che la vostra azienda stia programmando di mantenere le riunioni virtuali anche al termine della pandemia: in questo caso, è probabile che dovrete impegnarvi per limitare la quantità di tempo trascorso davanti allo schermo e, al tempo stesso, mantenere e migliorare quello speso in attività fisica.

Proteggere la salute mentale

Una ricerca pubblicata sull'International Journal of Environmental Research and Public Health ha osservato una diminuzione media del 32% nei livelli di attività fisica tra i partecipanti, dichiarati attivi nel periodo precedente alla pandemia. L'aumento del tempo trascorso davanti allo schermo e la riduzione dei livelli di esercizio fisico, hanno portato ad un significativo declino della loro salute mentale. Quando i partecipanti non hanno più soddisfatto i criteri stabiliti dalle Physical Activity Guidelines for Americans, hanno riportato livelli più elevati di depressione, solitudine e stress. Il rapido aumento dell'uso di piattaforme virtuali tra centinaia di milioni di individui a livello globale ha portato ad una condizione chiamata "Zoom Fatigue", termine legato alla piattaforma Zoom e utilizzato per descrivere la fatica generata da un’ampio numero di ore trascorse su qualsiasi piattaforma virtuale. Jeremy Bailenson, psicologo dei media dell'Università di Stanford, considera l’overloading non verbale come uno dei fattori per cui gli individui possono sperimentare la Zoom Fatigue.

L’overloading non verbale contiene quattro elementi critici: la visione di contenuti online a distanza eccessivamente ravvicinata, il carico cognitivo (ad esempio, la costante diffusione e ricezione di informazioni non verbali), la perenne autovalutazione (ad esempio, relativa al proprio aspetto) e la ridotta mobilità. Bailenson afferma: "Alcuni studi dimostrano che la locomozione e altri movimenti causano migliori prestazioni durante le riunioni. Per esempio, le persone che camminano, anche quando sono al chiuso, generano più idee creative di quelle che sono sedute" (Oppezzo & Schwartz, 2014).

Il movimento e i suoi benefici per il cuore

Le strategie attuate all'inizio della pandemia per appiattire la curva, anche se benefiche per ridurre la diffusione del virus, hanno portato a significativi cali di attività fisica, anche in individui fisicamente attivi. L'uso continuo di piattaforme virtuali richiede di affrontare un equilibrio critico tra esercizio fisico e attività sedentarie. Ci sono prove che l'inattività fisica provoca effetti dannosi sulla funzione cardiovascolare nel giro di breve tempo. Gli studi hanno dimostrato che un tempo che va da 3 a 6 ore trascorso seduti senza fare interruzioni è sufficiente a causare un significativo deterioramento della funzione vascolare. Entro 3-5 giorni, i medici osservano una riduzione del diametro delle arterie. Dopo una settimana di attività fisica ridotta, si rileva un calo del 56% circa del flusso arterioso. Inoltre, entro poche settimane, gli individui possono sperimentare atrofia cardiaca (diminuzione delle dimensioni del cuore), irrigidimento arterioso e restringimento dei vasi sanguigni.

Come si può notare, ci sono forti associazioni tra il comportamento sedentario e il rischio di malattie cardiovascolari. Abbiamo imparato che la presenza di alcune malattie cardiovascolari e fattori di rischio aumentano le probabilità di contrarre il COVID-19 in forma più grave. Un documento pubblicato su Translational Behavioral Medicine suggerisce che il tempo impegnato in attività sedentarie, come risultato della nostra nuova "normalità", minaccia la salute cardiovascolare: diventa quindi importante, mentre ci muoviamo verso la riapertura, attuare un cambiamento relativo alle nostre abitudini quotidiane.

Suggerimenti per mantenere uno stile di vita attivo nonostante le riunioni virtuali:

  • Implementare un programma di attività fisica a casa. Se continuate a utilizzare piattaforme per meeting virtuali, riservate sempre parte del vostro tempo all'esercizio fisico.
  • Diminuire il numero di riunioni virtuali a cui si partecipa ogni giorno: questo aiuterà a ridurre gli aspetti di overloading non verbale.
  • Programmare le riunioni con una pausa di alemeno 10-15 minuti tra una e l'altra e sfruttare questo tempo per fare esercizio.
  • Spegnere la webcam e muoversi. Ogni 25-30 minuti, anche durante una riunione, è importante prendersi del tempo per camminare e fare stretching all'interno della stanza.

Resta attivo con Technogym

Da oltre 35 anni Technogym si impegna a promuovere il Wellness, uno stile di vita basato su un regolare esercizio fisico, un’alimentazione equilibrata e un approccio mentale positivo.
Grazie alle soluzioni fitness di Technogym, puoi rimanere attivo e prenderti cura della tua salute, diminuendo al tempo stesso il rischio di contrarre malattie fisiche e psicologiche grazie ad una costante attività fisica.
La corsa è uno dei migliori esercizi per il mantenersi attivi. Oltre ad aiutare a perdere peso, rafforzare e definire i muscoli, essa aiuta a migliorare la resistenza, potenziare il sistema immunitario, tenere sotto controllo il livello di zuccheri nel sangue e avere una pelle più sana. Inoltre, i benefici della corsa sul tapis roulant non sono solo fisici, ma anche psicologici: i più noti sono l'alleviamento dello stress e dell'ansia e l'agevolazione di un sonno migliore.

I tapis roulant sono attrezzi fitness in grado di garantire un workout total body e completo, offrendo esperienze di allenamento differenti in base alle necessità individuali.

Technogym MyRun è il tapis roulant per l'home fitness compatto e silenzioso  che si connette al tuo tablet e ti offre un'ampia gamma di allenamenti on demand per il running e il walking: sessioni guidate dal trainer, routine mirate e percorsi virtuali.
Semplicemente posizionando un tablet sulla console di MyRun. Grazie a Technogym Live, potrai scegliere il tuo trainer preferito dalla ampia libreria di contenuti on-demand, con le più coinvolgenti sessioni guidate one-to-one, le routine di allenamento per la preparazione atletica, gli allenamenti su misura o i percorsi virtuali ambientati nella natura o nella tua città preferita.

Scopri Technogym MyRun

Anche quando si lavora, si può combattere lo stile di vita sedentario e rimanere attivi, trasformando le ore passate seduti da tempo passivo a tempo attivo, con un impatto positivo sul proprio benessere fisico e psicologico.
Wellness Ball Active Sitting è una fitball che può essere usata anche come alternativa alla seduta tradizionale e che permette di rimanere in movimento pur essendo seduti.
Con Wellness Ball Active Sitting la schiena esegue una serie di micromovimenti che migliorano l'azione dei muscoli addominali e lombari per stabilizzare la colonna vertebrale. Grazie alla sua semplicità, è la stessa Ball che ci porta ad assumere la posizione corretta.
Con l’esecuzione di esercizi specifici, la wellness ball ti consente di tonificare tutta la muscolatura e di migliorare l’equilibrio e la flessibilità. Inoltre, il QR code posto sulla maniglia della cover costituisce un facile accesso ai programmi di allenamento sviluppati in modo specifico per Wellness Ball Active Sitting: un trainer virtuale sempre con te.

/related post

Clinica Campisi di Genova sceglie Technogym Biocircuit per la riabilitazione dei suoi pazienti

A Genova, la Clinica Campisi ha scelto Technogym per offrire ai suoi pazienti i prodotti più innova...