Perche’ le diete falliscono?

Scritto in Consigli wellness il 28 luglio, 2010 da Ilaria - No Comments

Secondo un sondaggio, il 70 per cento delle donne e il 30 per cento degli uomini hanno provato almeno una volta a seguire una dieta, ma in giro non c’è una percentuale così alta di persone in forma.
È facile arguire che non tutti arrivano al traguardo finale o riescono a mantenere nel tempo il successo. Ma perché?
Ecco una breve lista delle principali cause di fallimento da dieta.

1) I prodotti dietetici in circolazione non sono fatti per funzionare
Se per dimagrire ti affidi di solito a pasti sostitutivi o ai vari prodotti dietetici disponibili in commercio, ti svelerò un grande segreto: la maggior parte di questi sono studiati per NON dare risultati definitivi.
E il perché è facile da capire: se fossero veramente efficaci l’industria che li produce entrerebbe presto in crisi. I risultati così ottenuti quindi non durano a lungo, ma la dipendenza da barrette e pasti sostitutivi, beveroni e minestrine, sì!

2) Pensi alla dieta come un evento eccezionale di durata variabile (possibilmente breve)
Riusciresti a seguire per il resto della tua esistenza un regime alimentare con apporto calorico insufficiente e magari a base di cose che non ti fanno impazzire? Se la risposta è no, come pensi di arginare la voglia di tornare alle vecchie, cattive abitudini dopo i primi risultati, ed evitare di sciupare tutto il lavoro fatto?

3) Non fai esercizio fisico
Uno dei problemi del perdere peso senza attività fisica è che quello che perdi è quasi solo muscolo: i chili magari calano, ma il tuo aspetto non sarà affatto tonico.
Senza contare che al primo sgarro, il peso muscolare perso verrà rimpiazzato rapidamente, ma dal grasso!

4) Troppe restrizioni realizzano l’effetto contrario
Le diete troppo restrittive non solo ti faranno soffrire, ma sortiscono il contrario esatto dell’effetto desiderato, portandoti a cercare freneticamente, prima o poi, ogni categoria di cibo proibito, repentinamente depennato dalla tua dieta quotidiana.

5) Il metabolismo rallenta
È un processo biologico: meno calorie introduci, meno consumi. La qual cosa si aggraverà senza esercizio fisico, perché perdendo muscoli (vedi punto 3) anche il metabolismo rallenterà sempre di più. Questo è il motivo per cui tante diete (soprattutto quelle al di sotto delle 1.200 calorie al giorno e non abbinate all’esercizio fisico) falliscono anche se seguite scrupolosamente: dopo i primi successi il tuo corpo farà sempre più fatica a smaltire i chili di troppo.

Le caratteristiche di una dieta che funziona

Pensi che non ci sia soluzione? E invece sì, ed è:

una dieta che sostituisce ma non toglie
Per limitare l’impatto del cambiamento, la dieta ideale dovrebbe, dove possibile, sostituire gli alimenti con qualcosa che ricorda in qualche modo l’alimento eliminato, in base ai gusti personali (es: latte scremato e orzo al posto del latte e cioccolato, yogurt magro alla frutta al posto del dessert cremoso; carne bianca alla griglia al posto del filetto condito, ecc.).
L’unica dieta che funzionerà veramente sarà quella che non ti farà sentire privato di tutto quello che ti piace e che ti metterà in grado di seguire il nuovo regime, se necessario, anche per tutto il resto della vita;
una dieta graduale
Che, cioè, ti permette di calarti a poco a poco nel tuo nuovo stile di vita equilibrato e salutare. Per evitare traumi, il ridimensionamento calorico dovrebbe iniziare piano piano, anche togliendo solo 100 calorie al giorno e facendo grande attenzione al meccanismo delle sostituzioni.
una dieta equilibrata
E cioè un regime con tutti i nutrienti necessari al tuo organismo, bilanciato in modo tale da non farti sorgere desideri proibiti repentini, causati dagli squilibri nutrizionali.
una dieta accompagnata da almeno un’oretta di esercizio al giorno
Essenziale per evitare la trappola del metabolismo che rallenta è accompagnare sempre la dieta con un po’ di esercizio ogni giorno, e neanche particolarmente intenso: basta una moderata stimolazione del cuore, da un minimo di 30 a un massimo di 60 minuti quotidiani.

Se devi metterti a dieta quindi ricordati: il regime ideale non solo ti fa perdere peso, ma ti mantiene in salute e soprattutto contento, ogni giorno, di metterti a tavola.

Fonti: walking.about.com, dietraffic.com

Nessun Commento